lunedì 12 aprile 2010

Il Partito Democratico è amico dei mafiosi?

Gentile segretario Bersani,

pensavo davvero che il peggio ed il fondo il Partito Democratico lo avesse raggiunto abdicando all'opposizione, inciuciando impunemente con Silvio Berlusconi e prendendo in giro quegli elettori che una volta erano circa il 30% dei votanti e ora, grazie a voi dirigenti di grande spessore, è precipitato a poco più del 20%. Ma questi sono meriti e risultati politici di cui lei sarà già orgoglioso.

Mi congratulo con lei e con il suo omologo siciliano, Giuseppe Lupo, per la più grande porcata degli ultimi anni, che conferma quanto ormai il Pd tremi più degli altri partiti a sentir parlare di questione morale. Il vostro candidato sindaco ad Enna sarà Vladimiro Crisafulli, che come minimo, lasciando perdere i dettagli, è stato amico intimo di un mafioso in piena attività. Nel video della polizia, infatti, l'avvocato mafioso di Enna, Raffaele Bevilaqua, si accordava su affari e assunzioni di taglialegna con il vostro deputato e prossimo sindaco di Enna. Per questo fatto, dai Ds prima e dal Pd poi, mai nessun provvedimento, ma solo solidarietà senza se e senza ma, come si fa con le persone per bene.

I rapporti con la mafia, all'interno del Pd, evidentemente sono medaglie al valore, tanto che nel 2008 l'allora segretario Veltroni aveva deciso di eliminare dalle liste il senatore Beppe Lumia, il cui impegno antimafia era chiaro e cristallino e gli era costato una condanna a morte da cosa nostra, ma di lasciare un caldo e accogliente seggio alla Camera per Crisafulli, che ad Enna, come dice lui, vince «con il proporzionale, con il maggioritario e anche con il sorteggio».

Quando hai vissuto sulla tua pelle il significato della parola “mafia”, quando avresti voluto negli anni, accanto a te, uno zio e un nonno che non hai potuto abbracciare perchè loro, a differenza del Pd, hanno lottato contro la mafia fino al giorno del loro assassinio, questi misfatti ti provocano una rabbia e una indignazione che vorresti travolgere ogni cosa.

A fare più rabbia, però, forse è l'arroganza dei Bersani, dei D'Alema e dei Violante, che, siccome dall'altra parte c'è il demonio Silvio, da quest'altra necessariamente c'è il bene, e non serve sprecare tempo per dimostrarlo: “noi siamo i migliori, e basta”. Se dall'altra parte c'è la mafia, da questa ci sarà l'antimafia. Questo patto del silenzio consente oggi ad uno dei partiti più grandi d'Italia di approvare una simile “porcata” senza che i suoi elettori si ribellino con forza, senza che illustri esponenti dell'antimafia minaccino le dimissioni da quel che rimane di un partito che molto tempo fa affondava le proprie radici, in tutti i sensi, nel sangue del deputato Pio La Torre, che di amici mafiosi non ne ha mai avuto, e che Crisafulli lo avrebbe buttato fuori a calci nel sedere.


Voglio capire, gentile segretario, cosa avreste voi di diverso dal Pdl di Dell'Utri e di Cosentino. Loro candidano i mafiosi, voi gli amici degli stessi. La invito a non permettersi più di parlare di superiorità morale e di altre balle, ma soprattutto di antimafia: voi siete soltanto l'altra faccia di una sporca medaglia e non avete il diritto di pulirvi le coscienze venendo alle manifestazioni antimafia pronunciando i nomi delle nostre vittime, di cui non siete nemmeno lontanamente degni.

La realtà è che la politica italiana non saprà mai rinunciare al compromesso e agli abboccamenti con cosa nostra, perchè non avrà mai la forza necessaria per camminare da sola e nelle terre di mafia avrà sempre bisogno della solida stampella della criminalità organizzata, e il Pd, in questo caso, fa molto peggio di quanto abbiano sempre fatto l'Udc ed il Pdl: per la prima volta il Pd batte tutti, ne sarà felice.

Spero solo, gentile segretario, che, dopo la grave responsabilità politica di ammettere a delle tragicomiche elezioni primarie Vladimiro Crisafulli, che le ha ovviamente stravinte con il 61%, e dunque di avviarlo alla poltrona di sindaco, qualcuno vi presenti un conto salatissimo, non se le vostre coscienze, se il vostro Dio, se i vostri elettori.

Il Partito Democratico, ormai è ovvio, non è un partito contro la mafia, e ora abbiamo anche il sigillo: di questo la ringrazio Bersani, ai giorni nostri un pò di chiarezza è come aria fresca.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Direi che lo sono gli ennesi. Alle primarie di ieri 1603 voti a Crisafulli contro i 1276 del candidato, nuovo, sano, libero del nostro gruppo del pd che si è contrapposto al suo. E non dico altro. Megliu u tintu canusciutu ca u bonu a canuscisi.
E adesso si stiano zitti. LO hanno scelto, lo hano votato. Abbiamo pers è vero, ma con onore e coraggio ... Mostra tuttoe dunque non venitelo a raccontare a me o al "partito democratico" astratto, andatelo a raccontare ai suoi concittadini che se lo sono rivotato intero intero.

E dunque non indichi il dito, ma la luna: e cioè la atura stessa dei siciliani, che il nuovo e il sano non lo votano.

mila spicola

Benny Calasanzio ha detto...

Gentile Mila, va bene gli ennesi, va bene la sicilia. Ma non esiste che il partito consenta a simili elementi di partecipare alle primarie!

Anonimo ha detto...

Benny grazie di cuore per questo post!
E' stato infatti il motivo per cui a quelle elezioni non votai..una scelta non facile allora e non priva di sensi di colpa ad ogni singola porcata di Berlusconi.

Mi permetti oggi di riguardare, lucidamente, la parte migliore di me ma anche l'inattesa speranza che quel non-voto servisse da lezione. Ne hanno prese di batoste, non hanno capito nulla, non c'era forse nulla che volessero capire.

Non sentirsi rappresentati è davvero una grande frustrazione.

Un abbraccio
Beppe

Anonimo ha detto...

Caro Benny ancora ti meravigli di questo PD?
Ti scrivo dalla "Rossa Emilia" e ti posso garantire che qui i dirigenti PD assomigliano più ad amministratori delegati delle Cooperative che a politici.
Lo dimostra il fatto che anche durante il governo Prodi, si sono ben guardati da fare una legge sul conflitto di interessi... Qui politica e aziende cooperative vanno a braccetto come il Berlusca con le sue aziende.
Altro che questione morale e classe operaia... Scalate all'unipol, inceneritori, fatturati della legacoop e di enia.
Questi sono gli obbiettivi del (Comitato d'affari) che si fa passare per partito.
Ciao Benny, in bocca al lupo!

Anonimo ha detto...

ciao Benny,
una domanda "fuori post".

Pensi che si possa avere l'elenco dei raccomandati di lombardo? ho visto che alcuni li hai chiamatial telefono...se è lecito consultarlo o pubblciarlo(non coperto da segreto istruttorio) sarebbe utile a tutti i siciliani
grazie

UniromaTV ha detto...

Al seguente link potete vedere il servizio realizzato da UniromaTV dal titolo "L'arte per una sana e robusta costituzione"

http://www.uniroma.tv/?id_video=15592

Ufficio Stampa di Uniroma.TV
info@uniroma.tv
http://www.uniroma.tv

Anonimo ha detto...

SONO UN CITTADINO ENNESE NON HO MAI VOTATO LA SINISTRA SAPPIAMO TUTTI CHE TRA DESTRA E SINISTRA NON VI E' NESSUNA DIFFERENZA " TUTTI CORROTTI E AFFARISTI I POLITICI LOCALI " INTELLIGENTI A CREARE SOTTOGOVERNI E COOPERATIVE E FARE ASSUNZIONI SPROPOSITATI "SENZA CONCORSO MA PER RACCOMANDAZIONE" VEDI ATO, ACQUA ENNA, SICILIA AMBIENTE, SICILIA VERDE, UNIVERSITA IL POSTO PIU AMBITO DAI POLITICI CON COSTI ESAGERATI - MI SPIACE LEGGRE ACCURE RIVOLTE AI CITTADINI ENNESI CHE SONO SOLO DELLE VITTIME DI UN SISTEMA POLITICO LOCALE " SE VUOI LAVORARRE MI DEVI VOTARE OPPURE FAI LA FAME " SONO QUESTI I MESSAGGI CHE LE FAMIGLIE RICEVONO .... QUINDI OBBLIGATI A DARE IL VOTO...... ENNA E' MORTA ? MA NOO E' OTTIMA TERRA DI AFFARI...... - AH SCUSATE PERCHE NON CANDIDARE UN GIOVANE ? VISTO CHE I CITTADINI ORMAI RASSEGNATI E SENZA SPERANZA FORSE CON SINDACO GIOVAME POTREBBE NASCERE LA SPERANZA DI UN VITA MIGLIORE
PS. LANCIO UN APPELLO A CHI LEGGE QUESTO MESSAGGIO AIUATATE LA CITTA DI ENNA LA MAFIA FA DA PADRONA - NON SI MUOVE FOGLIA- NON CE SVILUPPO ...... REGNA SOLO L'AGONIA DI UNA CITTA CHE MUORE ... I GIOVANI SCAPPANO.. LA TRISTEZZA ..... E' IN NOI.. CHE PECCATO ERAVAMO LA PICCOLA SVIZZERA CITTA BELLA INVIDIATA DA TUTTI

Anonimo ha detto...

Salve vi segnalo il blog dell'associazione isolalibera che promuove iniziative di informazione culturale e antimafia:

http://www.isolalibera2010.blogspot.com/