sabato 29 aprile 2006

Cominciamo bene parte prima


La sinistra non manca mai le occasioni importanti. Al primo vero appuntamento con il popolo italiano, in diretta televisiva, la coalizione guidata da Prodi ha dato davvero una bella impressione. Centrato l'obiettivo "Far mangiare le mani ai 25000 coglioni che ci hanno fatto vincere"! Il primo banco di prova per il futuro governo, l'elezione dei presidenti dei due rami del Parlamento, non avrebbe dovuto essere un problema, in virtù della buona maggioranza alla Camera, e anche di quella più ristretta al Senato. Bertinotti, mentre scrivo viene eletto Presidente. Per me è un pò un sogno. Adesso manca solo Che Guevara all'Interno e Fidel Castro agli Esteri. Al Senato, dopo la scommessa di Bordon lanciata a Fini, credo su Matrix, cioè che Marini sarebbe stato eletto alla prima votazione, siamo giunti alla terza. Lungimirante, voto 6. La prima fumata nera, la seconda annullata, poi ripetuta poi fumata nera, e ora la terza. Si parla come se dovesse essere eletto il papa. Ah... c'è anche Andreotti, ecco perchè! Nuntio vobis gaudium magnum: habemus papam, Eminentissimum Giulius Caius Andreotti. Che bella immagine. I più ottimisti credono che prima di ferragosto Marini sarà presidente. Andreotti nel frattempo ha battuto il record più importante della sua vita: dopo essere stato proposto dalla CDL come presidente del senato, e dopo essere stato mafioso fino all'80, ieri è andato a letto dopo le 9. Applausi da entrambi gli schieramenti. Ieri, le due votazioni del Senato non hanno eletto Franco Marini per un paio di voti. Infatti, due asinelli frutti della riforma Moratti degli anni 30 hanno scritto Francesco Marini anzichè Franco. E alla seconda votazione un altro genio ha scritto solo Marini. Alla prossima votazione ci sarà un biglietto con scritto A2 b4CG5 KP LA1. Potevano mettersi d'accordo prima e farsi dire come si chiamava il candidato. Ma và! Contro i miei interessi ideali, spero che gli italiani abbiano capito cosa è accaduto ieri a Palazzo Madama. Quegli errori sono stati chiamati correttamente pizzini, messaggi trasversali per Prodi, volti a far slittare la votazione ad oggi, in modo tale che nella notte potessero scattare eventuali accordi, in virtù della prova di forza offerta da questi senatori del centro sinistra che evidentemente recriminavano qualcosa. Mercati Generali. Non va bene, non va per niente bene, no no no. Io azzardo che se Marini sarà eletto oggi, domani spunterà qualche nuova poltrona per Mastella. Scommettiamo? Io dico solo una cosa: se questo è un prologo a ciò che sarà il governo del centro sinistra, lo dicano prima così chi vuole può trasferirsi nella Spagna socialista e mandare aff... tutto. Abbiamo votato a sinistra perchè le cose cambiassero, perchè eravamo stufi di accordi, di affari e di giochi di potere. Adesso sembrano aprirsi scenari vecchi, conosciuti. Non do giudizi ma aspetterò attento.

Nessun commento: